lunedì, agosto 06, 2012

"Non siam mica qui a smacchiare i leopardi..."



Per chi vota a sinistra perché “antiberlusconiano” la parola democrazìa non ha molto significato; la sinistra e i suoi elettori non cambiano mai, sembrano acefali. La notizia del (possibile) ritorno di Berlusconi nella politica attiva li ha tramortiti...gli orfani di Marx infatti immaginano già che verranno sciancati da Berlusconi in campagna elettorale, sanno già che dovranno soffrire la sua presenza, e non ci stanno!!
Ma guardiamo loro, i sinistri rosiconi, invece che novità portano? Bersani con D'Alema? Fini? Vendola?
L'unico nuovo è Grillo, ma io me lo ricordo in tv a fare il comico già 30 anni fa. Berlusconi sarà quello che sarà, ma politicamente è il più giovane di tutti...
Si è finalmente dimostrato tutto falso che la responsabilità della crisi fosse del governo Berlusconi, che ha portato l'Italia sull'orlo del baratro. Al contrario il problema è l'euro, è l'architettura imperfetta della moneta unica, è il ruolo inadeguato della Banca Centrale Europea.
La candidatura a premier di Silvio Berlusconi ha irritato tutto il centrosinistra. Puntualmente è scattata la campagna di denigrazione e i più benevoli parlano di minestra riscaldata.
Credevano d’averlo messo fuori combattimento, ma hanno fatto i conti senza l’oste. Inoltre, visto che le agenzie di rating continuano a penalizzarci, lo spread e il debito pubblico continuano a salire, signifca che i nostri guai non dipendevano dal bunga-bunga. Ai mercati finanziari interessano le riforme strutturali e i conti in ordine.
Ora aspettiamo fiduciosi la conferma ufficiale della candidatura perché dai vari Casini, Fini, Rutelli, Veltroni, D’Alema Bersani ecc.che hanno fatto carriera politica solo con le chiacchiere non ci si può aspettare nulla di buono… Se a Casini poi il ritorno di Berlusconi fa paura, a noi elettori liberi è la sua presenza nell'agone politico da più di trent'anni che fa paura.
Pur di stare in poltrona, egli ha trascorso gli ultimi anni con un piede col PDL e con un piede col PD, sta accarezzando furbescamente Bersani per farsi eleggere Presidente della Repubblica;
La “festa della liberazione” celebrata il 12 novembre 2011, giorno delle dimissioni di Berlusconi, non ha portato bene. Non solo non sono saliti loro al potere, non solo hanno dovuto fare da zerbino a un professore bocconiano non certo di sinistra e che per di più, odia la concertazione, sindacale e non. Ora rischiano di ritrovarsi al punto di partenza, cioè per loro a un punto morto.


Nel senso che è morta la speranza di essersi liberati definitivamente dell’unico vero ostacolo ai loro progetti di guidare l’Italia, con chicchessia (Monti, Vendola, Casini, Di Pietro, uno per l’altro) ma guidare indisturbati…



Giuseppe Sagliocco - Lodi


2 commenti:

pierantonio ha detto...

Se c’è qualcuno che ti paga per dire queste cose, deve avere dei gravi problemi di natura socio-comportamentale. Se non c’è nessuno che ti paga fatti visitare da un bravo neuropsichiata.
Ma che sia bravo!

Giuseppe Sagliocco ha detto...

Caro amico senza nome, se vuoi puoi cominciare tu a pagarmi...i problemi in ogni caso credo che li abbia tu ed è evidente: solo un poveraccio che non ha nulla da fare se ne va in giro a rompere i maroni sui blog degli altri (avversari politici o meno)....ed è per questo motivo, che ti consiglio io di farti vedere!!
P.S. pensa che non servirà nemmeno uno bravo....