venerdì, luglio 18, 2008

Napoli è liberata dai rifiuti ... promessa mantenuta!!

Lo aveva promesso in campagna elettorale: il primo consiglio dei ministri operativo si sarebbe tenuto a Napoli e a Napoli Berlusconi e i ministri avrebbero continuato a tornare fin quando non si fosse risolta l’emergenza e i rifiuti non fossero stati tolti definitivamente dalle strade. Oggi Berlusconi è per la quinta volta in meno di due mesi a Napoli e può annunciare che in Campania non ci sono più rifiuti per le strade. L’emergenza è superata, come era stato promesso...

Il risultato è stato raggiunto con un lavoro immane, che ha visto impegnati in prima linea il presidente del Consiglio, il sottosegretario Bertolaso e il generale Giannini, comandante dei militari impiegati per rendere più visibile ed efficace il ritorno dello Stato.

Assieme a Napoli, ben 511 comuni della Campania sono stati interessati dall'emergenza, per un totale di 7.200 tonnellate di rifiuti prodotti al giorno: uscire dall'emergenza ha comportato raccogliere e avviare a smaltimento questa produzione quotidiana e le decine e decine di migliaia di tonnellate accumulatesi nei mesi passati.

Sono state attivate le discariche possibili e necessarie, parte dell'immondizia è stata avviata in Germania (520 tonnellate al giorno), parte è stata pretrattata e avviata agli impianti di termovalorizzazione di altre regioni. Il governo ha avuto la capacità di creare uno spirito di solidarietà che ha prevalso su incomprensioni e contrasti pregressi, perché era chiaro a tutti che stavolta si stava facendo sul serio per uscire definitivamente dall’emergenza perenne....

Lo sforzo eccezionale proseguirà. Con le discariche e i trasferimenti fuori regione si potrà andare avanti per qualche tempo, ma intanto bisognerà continuare a lavorare perché non si ricrei lo scarto negativo fra rifiuti prodotti e rifiuti smaltiti. Si punta sui termovalorizzatori (saranno quattro, presto entrerà in funzione quello di Acerra) e sulla raccolta differenziata, già avviata nei comuni dove non era praticata. Ci vorranno ancora tre anni per la soluzione definitiva della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Per intanto però, come ha detto il premier, “Napoli è stata riportata alla grande civiltà che le compete". E non tornerà indietro...

9 commenti:

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Egregio signor Sagliocco

Questo è il vero "Governo del fare", un Governo che mantiene le promesse!
Ha riparato i guasti causati dal precedente esecutivo, dall' Amministrazione regionale della Campania e da quelle della Provincia e del Comune di Napoli!
Quanto fatto dal Governo del presidente Berlusconi ha riabilitato Napoli e l' Italia intera!
Cordiali saluti.

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Egregio signor Sagliocco

Vorrei approfittare del suo blog per fare una segnalazione molto importante!
Qui in Lombardia e nella provincia di Mantova è stata segnalata la presenza di un TARLO ASIATICO.
Questo insetto (il cui nome scientifico è Anoplophora chinensis) è innocuo per l' uomo ma pericolosissimo per le piante.
Esso si nutre di legno e si riproduce con molta facilità.
Un albero parassitato da tale insetto viene letteralmente svuotato al suo interno ed è destinato a morire.
Ciò non è un' esagerazione.
A Castel d' Ario (in provincia di Mantova) ho visto degli alberi che sono ridotti in condizioni gravissime.
Sembravano crivellati da colpi di arma da fuoco.
Chiunque veda degli alberi in simili condizioni chiami i numeri 840.000.001 o 02.69.96.70.01 oppure scriva all' indirizzo di posta elettronica tarloasiatico@regione.lombardia.it.
Per avere maggiori informazioni basta visitare il sito www.agricoltura.regione.lombardia.it.
Spero che si faccia qualcosa perché la situazione può essere molto grave.
Ad esempio qui nel Mantovano ci sono riserve naturali molto importanti, come ad esempio il Parco del Mincio o il Bosco della Fontana, nel Comune di Marmirolo, con alberi molto antichi, come le farnie.
Sarebbe un peccato se queste zone protette andassero distrutte.
Grazie dell' attenzione e cordiali saluti.

GIUSEPPE SAGLIOCCO ha detto...

Sono perfettamenmte d'accordo e sempre a disposizione, caro Gabriele....un forte abbraccio

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Egregio signor Sagliocco

Ho ritenuto giusto fare questa segnalazione perché quella del tarlo asiatico può diventare una situazione molto grave!
Come credo che anche lei sappia, un animale che non è originario di un habitat può diventare molto pericoloso per quest' ultimo!
Non avendo ostacoli naturali, che sono nel suo habitat originario, questo animale può riprodursi in modo incontrollato, creando gravi squilibri.
Fu il caso di quanto accadde nel 1859 AD in Australia, quando un proprietario terriero importò dei conigli, animali che non fanno parte dell' habitat australiano.
Alcuni conigli sono fuggiti e hanno iniziato a riprodursi facendo dei danni incalcolabili.
Basta citare anche il caso più recente delle nutrie (Myocastor coypus) che sono state importate dalle Americhe e che sono state liberate e hanno inziato a diffondersi per la Pianura Padana, Mantovano compreso.
Hanno fatto danni all' agricoltura e, essendo delle ottime scavatrici, le nutrie hanno danneggiato gli argini di fiumi come l' Oglio, il Mincio, il Secchia e il Po!
Detto questo, dico che i Verdi e la Sinistra farebbero bene a pensare a queste emergenze e non a bloccare, per sciocchi preconcetti, la realizzazione dei termovalorizzatori, della TAV e del Ponte sullo Stretto di Messina o a dire dei "NO" ideologici al nucleare!
Cordiali saluti.

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Egregio signor Sagliocco

Sul sito www.italiachiamitalia.net ho scritto un pezzo sulle biotecnologie, che può essere trovato digitando il mio nome su Google.
Avrei voluto inviarglielo via e-mail ma non ho l' indirizzo.
Su questo bel blog, si potrebbe aprire un confronto su tale materia.
In fondo, quello delle biotecnologie è un argomento che è strettamente correlato anche a tematiche ambientali ed è molto attuale.
Cordiali saluti.

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Caro Sagliocco

Vorrei cogliere l' occasione per lanciare un monito al centrodstra di Roncoferraro, visto che l' anno prossimo ci saranno le elezioni comunali.
A tutti gli amici del centrodestra di Roncoferraro voglio dire che la miglior cosa è quella di non imitare i nostri avversari nella corsa al voto.
Loro usano il clientelismo e tutti noi lo sappiamo!
Noi non dobbiamo fare come i nostri avvesrsari ma al contrario dobbiamo dimostrare di sapere fare cose nuove rispetto a loro, che per troppi anni sono al potere, facendo dei disastri.
Al loro attaccamento al potere noi dobbiamo contrapporre la nostra serietà e la nostra volontà di cambiare.
Alla gente che ci voterà dobbiamo dare questa sensazione.
Dovranno essere queste le basi del nostro consenso!
Se noi imitiamo il centrosinistra, nel modo di accaparrare i voti, una sonora sconfitta non ce la leverà nessuno perché nessuno ci perdonerà questo atteggiamento!
Il presidente Berlusconi ci ha dato una grande lezione di serietà che noi tutti dobbiamo imparare ed il fatto di Napoli lo dimostra!
Dobbiamo organizzarci, esprimendo il nostro candidato Sindaco e facendo la lista dei candidati al Consiglio comunale, che ancora non abbiamo!
In questa lista ci devono essere le persone più esperte ma anche molte facce giovani, volti nuovi!
Io do la mia disponibilità a candidarmi e a mettermi in gioco e ci sono tanti altri giovani capaci ed intelligenti, come ad esempio, il nostro segretario Filippo Poltronieri!
Del resto, sono i giovani che hanno cambiato la storia ed essa stessa ce lo insegna!
Basta pensare ad Alessandro Magno o al re d' Inghilterra Enrico VIII Tudor, che salirono al potere da giovani ma che ebbero un forte impatto sulla storia!
Solo così noi potremmo dimostrare di essere all' altezza!
Dobbiamo anche cercare di mettere in chiaro i rapporti con i rappresentanti locali della Lega.
Se noi riusciamo a fare tutto questo e a dimostrare che saremo in grado di fare una politica nuova per il nostro Comune...ci saranno buone possibilità di vincere!
Del resto, l' ottimo risultato nelle elezioni nazionali ci dice questo e ci deve indurre a serie riflessioni e farci chiedere il perché a livello locale non siamo mai riusciti a vincere!
Ci vogliono tanto impegno ed altrettanta serietà sia nei rapporti tra le persone che stanno nel centrodestra e sia verso la gente!
Cordiali saluti.

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Caro Sagliocco

Ho scritto quel commento perché voglio bene al centrodestra, schieramento di cui sono onorato di fare parte!
Noi possiamo vincere a Roncoferraro dimostrando di essere veramente alternativi ad un centrosinistra che, dopo tanti anni di sua amministrazione, ha ridotto in pessime condizioni il nostro Comune e ne ha tolto anche la dignità!
Se noi riusciamo ad essere alternativi al centrosinistra e a proporre cose nuove e veramente utili al cittadino (come la difesa della famiglia, le politiche per la sicurezza ed un miglioramento delle infrastrutture) la vittoria per la poltrona di Sindaco di Roncoferraro sarà a portata di mano!
Pertanto, dico a tutti che ce la possiamo fare!
Io ci credo!
Cordiali saluti.

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Caro Sagliocco

La settimana scorsa ero in Abruzzo, a farmi un po' di vacanza, e ci sono andato tramite l' autostrada A14 Bologna-Taranto.
Devo dire che il presidente Berlusconi sta matenendo le promesse riguardo le infrastrutture.
I lavori sul tratto (lungo 171 Km) compreso tra gli svincoli di Rimini nord-Bellaria- Santarcangelo e di Pedaso sono molto importanti.
Questi lavori consistono nella realizzazione della terza corsia, nella costruzione dei nuovi svincoli di Pesaro ovest, di Fano nord, di Marina di Montemarciano, di Ancona ovest e di Porto Sant' Elpidio.
Inoltre è previsto anche lo spostamento dello svincolo di Senigallia e nel rifacimento degli altri esistenti.
Verranno ampliate anche le nove gallerie presenti, delle quali sei naturali (fatte per valicare tratti montuosi) e tre artficiali con funzioni di adattamento dell' autostrada con il resto del paesaggio ed antirumore.
Per le gallerie artificiali "Del Boncio", "Case Bruciate" e "Corva" l' ampliamento viene fatto realizzando una carreggiata provvisoria in stretta adiacenza di una delle canne esistenti.
Tale carreggiata servirà a gestire il traffico durante la demolizione delle attuali infrastrutture e la costruzione di quelle nuove.
Per le gallerie naturali "Scacciano", "Novilara", "Del Cavallo" e "Sappanico" l' ampliamento si farà con la realizzazione di una nuova canna a tre corsie (più corsia d' emergenza) in stretta adiacenza di una delle due esistenti che varrà poi ampliata ed il suo traffico verrà deviato in quella fatta ex novo.
Al termine dei lavori, la galleria non ampliata verrà chiusa al traffico e destinata a funzioni di servizio.
Per le gallerie naturali "Montedomini" e "Porto San Giorgio", l' ampliamento verrà fatto con il "metodo della volta attiva", già usato con successo per la galleria di Nazzano posta sull' A1.
Tale metodo consente al traffico di usare la galleria anche durante i lavori.
Verrà inoltre realizzata la nuova galleria artificiale "Covignano".
I lavori sono iniziati su parte dell tratta compresa tra Ancona sud e Porto Sant' Elpidio e io ho potuto constatare che i cantieri sono pienamente in funzione.
Grazie alla politica del presidente Berlusconi si riuscirà ad ammodernare un' autostrada che attraversa un' area di recente ma dinamica industrializzazione e che tocca itinerari molto importanti come quelli storico-artistici di San Marino, San Leo, Gradara, Urbino, Ancona e Recanati e quelli religiosi come Loreto.
Inoltre non dimentichiamoci delle coste romagnole e marchigiane.
Cordiali Saluti.

Anonimo ha detto...

Ahhhh meno male che c'è il governo del fare...