venerdì, gennaio 04, 2013

Lettera aperta al Coordinatore Provinciale del Pdl di Lodi Oscar Fondi


Ciao Oscar, ho letto e quindi appreso solo dal giornale “IL CITTADINO”, che mercoledì scorso si sarebbe tenuta a Lodi una "assemblea" del partito che avrebbe scelto Claudio Pedrazzini e Monica Guarischi come candidati da proporre per le elezioni alla Regione, e anche che era presente l'On.le Mantovani....Per cortesia, la prossima volta che si decidono cose importanti per il partito di cui ancora faccio parte, potreste comunicare queste cose a tutti? Altrimenti che senso ha? Saremmo alle solite, con "i soliti noti" che si riuniscono, decidono da soli e poi vorrebbero anche far passare come condivise da tutti (soprattutto dalla base riporta il Cittadino, secondo lo stesso Mantovani...) le decisioni prese già in precedenza a tavolino!! Vogliamo essere più seri? E' chiedere troppo poter essere informati? Specialmente quando si parla di "base" che avrebbe deciso poi…Ritengo grave che tale riunione sia stata convocata nello stesso giorno del consiglio provinciale e quindi i consiglieri Pdl, tanto per cominciare, non c’erano e non erano stati invitati.
So per certo, che al Lodi Hotel (previo comunicato anonimo, e non a tutti, circa una generica serata di auguri) erano presenti l’On.le Mantovani e un’altra non ben precisata On.le di Monza.
Eccoci al punto: parliamoci chiaro, gli auguri erano una scusa. Presenti, i soliti noti fedelissimi e un po di facce mai viste prima, mi si dice, urlanti e plaudenti…Motivo vero della riunione lanciare, come detto sopra, la candidatura del Signor Pedrazzini per le elezioni regionali.
Certo, Pedrazzini avrebbe avuto il consenso della maggioranza del coordinamento in ogni caso, ma ritengo giusto sottolineare che non è stata convocata una riunione per decidere i candidati ma, genericamente, per parlare di elezioni regionali e per gli auguri natalizi….
Ecco, se questa è democrazia e condivisione all’interno di un partito, allora più di qualcuno, come me, non ci capisce più nulla…Niente contro il Signor Pedrazzini, già pupillo dell’On.le Mantovani, ma basta con le candidature calate all’improvviso dall’alto e non condivise da tutti;

Questo è sempre stato il problema del Pdl, vendere le scelte come condivise quando poi si trattava di teatrini costruiti per qualcuno, salvo poi sbandierare merito e la trasparenza. Non ha funzionato il metodo, e la dimostrazione è data dalla disaffezione della gente verso il Pdl.
Dal Congresso è trascorso un anno. Non una parola abbiamo letto sui giornali, ne un solo atto, un convegno, una riunione sono state fatte!! Zero…Per questo che io personalmente, ma so di interpretare il pensiero di molti iscritti e militanti come me disamorati, vi chiedo e ti chiedo di cambiare rotta; abbiamo degli obblighi con i nostri elettori, i quali non ci servono solo nel momento dei Congressi o delle elezioni, ma a loro bisogna render conto. Bisognerebbe anzitutto far conoscere la nostra linea politica (se ne abbiamo una) senza nasconderci, ma essendo presenti sul territorio e facendo politica. Caro Oscar, se esiste un partito, esso deve essere riunito TUTTO nei momenti fondamentali come la candidatura dei rappresentanti del territorio nelle assemblee REGIONALI e NAZIONALI.

Ti saluto cordialmente, sperando di incontrarti presto e nella fervida speranza che il Pdl lodigiano faccia davvero un grosso sforzo per scrollarsi di dosso rancori e antipatie da parte degli iscritti ma anche da parte dei semplici cittadini lodigiani i quali vedono, sentono e parlano…Auguri!!




Giuseppe Sagliocco – Iscritto al Pdl Lodi


2 commenti:

Antonio Gabriele Fucilone ha detto...

Ho commentato sul mio blog, http://italiaemondo.blogspot.it/2013/01/da-lodi-roncoferraro-lettere-aperte-ai.html.
E' un'ottima lettera.

Giuseppe Sagliocco ha detto...

Grazie Antonio.